Tu sei qui

Lingua inglese

Versione stampabileVersione PDF

Torre di Babele

 

“[…] aggiungere un mattone,

se non si sa perché si costruisce e dove si va a parare,

non significa nulla;

[…] le lingue non sono nulla in sé, non significano nulla. […] Le lingue sono miseri cembali se non servono a

capire gli animi oltre che le parole […]”.

Paolo E. Balboni in

“LE SFIDE DI BABELE – Insegnare le lingue nelle società complesse”

 

 

 

Attraverso l’acquisizione della L2 e delle Lingue Straniere il progetto si pone la finalità di gettare le basi per una competenza comunicativa, utile ad esercitare la cittadinanza attiva nel contesto in cui si vive, nell’ottica di un’educazione permanente.

Sapere una lingua, oggi, significa “avere la capacità di comunicare in una lingua e in una cultura”. Per questo attraverso percorsi didattici mirati, a partire dalle sezioni dei bambini di cinque anni della Scuola dell’Infanzia, intendiamo:

  • sensibilizzare sulla ricchezza della diversità linguistica e sull’importanza di conoscere sin da piccoli una o più lingue straniere;
  • attribuire un valore aggiunto al processo di insegnamento – apprendimento delle lingue straniere, che vada oltre la conoscenza strumentale della lingua per immergersi, dal confronto culturale, in modi di pensare diversi dal proprio;
  • valorizzare le diversità linguistiche e interculturali;
  • incoraggiare l’apprendimento delle lingue durante l’arco della vita, dentro e fuori la scuola, per motivi di studio, di lavoro, di interesse personale.

 

a cura di Mario Varini - EUCIP IT Administrator certified.
CMS Drupal ver. 7.72 del 17/06/2020 agg. 24/06/2020• XHTMLCSS

Sito realizzato nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web
Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia

Licenza Creative Commons

Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo (3.0 Italia) per permetterne
la diffusione e il riuso liberi con citazione degli autori e con l'indicazione che potrà essere utilizzato dalle scuole italiane che ne faranno richiesta.

Per informazioni, solo se appartenenti a Pubblica Amministrazione, contattare Mario Varini con e-mail istituzionale ( @istruzione.it )